You are currently browsing the monthly archive for settembre 2013.

crostata lamponi e ciocco bianco2

500 gr di farina
250 gr di ricotta
170 gr di zucchero
3 tuorli
1/2 bustina di lievito vanigliato°
3 gocce di essenza di limone o scorza grattugiata
1 pizzico di sale

330 gr di marmellata di lamponi Rigoni di Asiago
zucchero a velo
100 gr di pepite di cioccolato bianco (o grattugiato)

Nel robot con le pale mettere la farina, la ricotta, lo zucchero, i tre tuorli, un pizzico di sale, 1/2 bustina di lievito e 3 gocce di essenza di limone, azionare fino a formare la classica palla, nel caso servisse unire un goccio di latte, avvolgere nella pellicola e conservare in frigo un’ora. Accendere il forno a 180°, riprendere la pasta, prelevarne 3/4 e stenderla per foderare una tortiera alta, diam 24 . con il bordo sganciabile. Ungere lo stampo (io uso uno staccante, ma va bene anche dell’olio), stendere la frolla ed eliminare l’eccesso, bucherellare il fondo quindi coprirlo con uno strato di cioccolato bianco, serbandone un cucchiaio per la decorazione finale. Distribuire delicatamente la marmellata* quindi ricavare le strisce per la decorazione. Una volta terminato il decoro, infornare per 30 minuti o finchè risulterà cotta e dorata. Lasciar intiepidire prima di spostare sul piatto da portata. Al momento di servire spolverizzare con zucchero a velo e spargere le pepite rimaste (a dolce completamente freddo o si scioglieranno!)

* la marmellata della Rigoni ha la caratteristica di essere molto morbida a temperatura ambiente, altre marmellate è opportuno vengano scaldate leggermente prima di distribuirle o si corre il rischio che il cioccolato resti attaccato al cucchiaio.
° non omettere il lievito, è indispensabile affinchè la base non venga dura come una pietra vista l’assenza del burro!

Annunci

Fagottini di zucchine e pollo

Dose per 7 fagottini:

28 fette di zucchina
1 petto di pollo
250 gr di Philadelphia
14 pomodori secchi Life
aglio in polvere
erba cipollina
basilico tritato e in foglie
1 pomodoro cuore di bue grande
sale,pepe

Con una mandolina o un affetta formaggio ricavare 28 fette lunghe da zucchine di medie dimensioni (le grandi hanno troppi semi e si rompono, le piccole vanno bene ma vengono fagottini molto piccoli), in una ciotola ammorbidire con la forchetta il Philadelphia, unire aglio, erba cipollina e sale, mescolando bene. Appoggiare le fette di zucchina su un pezzo di cartaforno a stella (come due X alternate), al centro disporre fettine sottili ricavate dal petto di pollo, sopra un generoso cucchiaino di formaggio, un bel pizzico di basilico tritato e a completare due pomodorini secchi, meglio se uno più piccolo dentro uno più grande. Chiudere i primi “petali” verso il centro in modo da formare un fagottino e, aiutandosi con la cartaforno, chiudere con cura il cartoccio. Appoggiare con la parte della chiusura della carta verso il basso, il cartoccio su un cestello di una vaporiera quindi una volta completati i 7 fagottini chiudere e cuocere 10 minuti. Spegnere e lasciar raffreddare.
Servire a temperatura ambiente o freschi, ma non freddi di frigo, su fette di pomodoro (leggermente salato un attimo prima di impiattare),  decorare con foglie di basilico fresco, una grattata di pepe e volendo un filo d’olio.

Torta salata minestrone e philadelphia

750 gr di minestrone leggerezza Orogel
200 gr di Philadelphia
2 uova
2 cucchiai di parmigiano grattugiato
1 rotolo di pasta sfoglia
1 cucchiaio di olio evo Dante ConDisano
sale e pepe

In una padella scaldare 1 cucchiaio d’olio quindi unire la busta di minestrone, ancora surgelato, salare, aggiungere 1 bicchiere d’acqua calda  e coprire, cuocere a fuoco medio, mescolando di tanto in tanto, finchè le verdure risulteranno cotte ma croccanti, circa 10/15 minuti; verso fine cottura, scoperchiare in modo che l’eventuale acqua in eccesso asciughi. Portare a temperatura ambiente.
Accendere il forno a 180°, in una ciotola ammorbidire il Philadelphia con la forchetta, unire 2 uova il formaggio grattugiato e regolare di sale e pepe. Unire al composto di formaggio le verdure, mescolare bene e disporre il composto su una sfoglia, precedentemente srotolata e posta in una tortiera (la mia diam 22). Ripiegare i bordi verso l’interno e infornare per 40 minuti o finchè non risulti gonfia e cotta, leggermente colorita.
Servire tiepida o a temperatura ambiente.

Crumble mela, banana e cioccolato

 

 

1 banana
1 mela
1/2 confezione di preparato per crumble S.Marino
35 gr di burro
gocce di cioccolato ci cioccolato

In un contenitore che possa andare in forno e poi direttamente in tavola sistemare alternando le banane tagliate a fette, la mela a cubetti e le gocce di cioccolato; a mano o con un piccolo robot impastare burro e preparato per crumble fino ad ottenere un composto dalla consistenza sabbiosa.
Distribuire il crumble sulla frutta e infornare 30 minuti a 180°

Torta salata spinaci carote e gorgonzola

2 sfoglie integrali Buitoni
1 kg di spinaci (anche surgelati)
1 kg di carote
300 gr di gorgonzola cremoso
olio evo Dante ConDisano
3 cucchiai di parmigiano grattugiato
sale
aglio, spicchio o in polvere

Cuocere le carote a vapore finchè saranno tenere quindi frullarle con due cucchiai di olio e regolare di sale. Lasciar intiepidire.
Scaldare l’olio in un tegame assieme all’aglio, unire gli spinaci cotti e strizzati con cura e cuocere mescolando spesso per far perdere l’eccesso di umidità. Tritare, a coltello o con una mezzaluna gli spinaci ma senza ridurli in purea, unire il formaggio e tenere da parte.
Posizionare la prima sfoglia nella tortiera (la mia diam. 25 cm) versare sul fondo il composto di carote, distribuire il gorgonzola diviso a pezzettini e completare con gli spinaci premendo leggermente in modo da compattare il ripieno. Ritagliare una griglia (io ho questo attrezzo fatto apposta) e posizionarla sulla farcitura, ripiegare i bordi della prima sfoglia e cuocere a 180° per 35 minuti poi 3-4 sotto al grill.  Sfornare a lasciar intiepidire nello stampo quindi sformarla in modo da lasciarle disperdere l’umidità. Servire tiepida o temperatura ambiente.

Straccetti di manzo con pomodorini e olive

400 gr di fettine di manzo o vitellone
150 gr di pomodori datterini o ciliegia
100 gr di olive nere denocciolate
2 cucchiai di farina
2 rametti di basilico
1 spicchio d’aglio o in polvere
3 cucchiai di olio evo Dante ConDisano
sale, pepe

Tagliare i pomodorini a metà, la carne  e il basilico a striscioline di 2,5 cm. Passare la carne nella farina e scrollarne via l’eccesso. In un capace tegame scaldare l’olio con lo spicchio d’aglio e far insaporire un minuto, quindi unire la carne e rosolarla mescolando con un cucchiaio di legno. Aggiungere i pomodorini e le olive e cuocere a fuoco medio altri 4-5 minuti, unendo una tazzina di acqua calda, poco alla volta a seconda della necessità. Regolare di sale e pepe. Impiattare e completare il piatto con il basilico.

Crumble fragole e cioccolato
200 gr circa di fragole surgelate
1/2 confezione di preparato per crumble S.Marino
35 gr di burro
pepite ci cioccolato

In una pirofila che possa andare in forno e poi direttamente in tavola sistemare le fragole ancora surgelate con la base verso il basso; a mano o con un piccolo robot impastare burro e preparato per crumble fino ad ottenere un composto dalla consistenza sabbiosa.
Distribuire il crumble sulle fragole e infornare 30 minuti a 180°.
Una volta tolto dal forno completare con le pepite di cioccolato.
Si può mangiare sia caldo che temperatura ambiente.

Pizza zucchine e mortadella

500 gr di farina per pizza Molino Spadoni
250-300 ml di acqua
1/2 cucchiaino di sale fine Gemma
1 cubetto di lievito di birra fresco
olio evo

2 di zucchine medie già cotte
100 gr di mortadella
Emmenthal a cubetti

Affettare abbastanza sottilmente le zucchine e saltarle in padella con un cucchiaio di olio e sale. Cuocere finchè risultano cotte ma sode. Lasciar intiepidire o raffreddare.

Nel robot con le pale per impastare (o a mano facendo la classica fontana) mettere la farina e il 1/2 cucchiaino di sale.  Azionare il robot e versare a filo 250 ml di acqua tiepida in cui è stato sciolto il lievito. L’impasto deve risultare liscio, omogeneo ed elastico, nel caso fosse troppo duro, aggiungere ancora un goccio d’acqua, se invece restasse troppo molle, basta aggiungere poca farina fino ad ottenere la consistenza giusta.
Far lavorare la palla di pasta qualche minuto, quindi trasferirla in un contenitore unto coperto con la pellicola e posizionarlo in un luogo tiepido a lievitare per 2 ore. Trascorse le 2 ore ungere accuratamente una teglia rettangolare (o due rotonde) e stendere la pasta con le mani. Accendere il forno a 240° , distribuire le zucchine sulla base e cuocerla base per 15 minuti, quindi prelevarla dal forno, aggiungere la mortadella e il formaggio e proseguire altri 6 minuti.

Pasta con gamberi e cannellini

240 gr di penne
600 gr di cannellini cotti
500 gr di gamberi
aglio in polvere
olio evo Dante ConDisano
peperoncino in polvere
prezzemolo tritato

Mentre cuoce la pasta scolare e sciacquare bene sotto l’acqua i fagioli quindi tamponarli delicatamente con un pezzo di pannocarta. Cuocere i gamberi al vapore, sgusciarli e metterli assieme ai cannellini in una capace zuppiera. Scolare bene la pasta, aggiungerla al condimento direttamente o passarla prima sotto al getto dell’acqua per raffreddarla (e in questo caso dopo asciugarla con del panno carta). Mescolare e unire un paio di cucchiai di olio, l’aglio, il prezzemolo e volendo, il peperoncino. Se non si serve subito, conservarla in frigo avendo cura di tirarla fuori un’oretta prima di portarla a tavola.

Pasta surimi e carciofi
320 gr di fusilli
400 gr di carciofi trifolati
180 gr di bastoncini di surimi
erba cipollina
olio evo Dante ConDisano

Mentre cuoce la pasta scolare i carciofi dall’olio in eccesso, se sono a spicchi monto grandi, dividerli per la lunghezza; tagliare a tocchetti il surimi.
Scolare bene la pasta, aggiungerla al condimento direttamente o passarla prima sotto al getto dell’acqua per raffreddarla (e in questo caso dopo asciugarla con del panno carta). Mescolare e unire un paio di cucchiai di olio e l’erba cipollina.
Se non si serve subito, conservarla in frigo avendo cura di tirarla fuori un’oretta prima di portarla a tavola.