You are currently browsing the monthly archive for febbraio 2012.

400 gr di farina dolci e sfoglie Molino Rosignoli
50 gr di burro fuso
4 cucchiai di latte
2 cucchiai di zucchero
2 uova
1 bustina di lievito
un pizzico di sale
olio di arachidi

Mescolare tutti gli ingredienti, impastarli sul piano di lavoro finchè il composto sarà liscio. Formare piccole palline di 1 cm, se necessario inciderle a X (solo se fossero perfettamente lisce), friggerle in olio non troppo caldo, scolarle su carta assorbente e passarle nello zucchero.

Dose per circa 100 castagnole.

(pinza fornita da CIS)

Annunci

500 gr di mele
200+200 gr di zucchero
250 gr di farina dolci e sfoglie Molino Rosignoli
20 amaretti sbriciolati
1 bustina di lievito
1 uovo
un limone

Sbucciare le mele, tagliarle a piccoli dadini e lasciarle macerare per 24 ore in una coppa di vetro coperta di pellicola, assieme al succo di un limone e a 200gr di zucchero.
In una capiente ciotola versare la farina setacciata assieme al lievito, gli amaretti sbriciolati, lo zucchero rimasto, l’uovo  e le mele con il succo.
Mescolare tutto con cura. Imburrare e cospargere di zucchero uno stampo diam 24, (nel mio caso ho sfruttato la forma dei petali della margherita per posizionare delle fettine di una seconda mela) e distribuire sopra il composto. Infornare a 180° per 30 minuti.
Fare la prova stecchino perchè in base a forno e altezza della torta, i tempi potrebbero variare.
Se il sopra della torta resta bagnato nonostante la cottura, accendere il grill per qualche minuto.

(Servitorta fornito da R2S Easy life design)

500 gr di farina dolci e sfoglie Molino Rosignoli
50 gr di burro fuso
50 ml di latte
2 uova
3 cucchiai di zucchero
3 patate medie
1 dado di lievito
1 pizzico di sale
vanillina
cannella
essenza di limone
1lt di olio di semi di arachide

 

Impastare la farina,  lo zucchero, le uova, il sale, il latte in cui è stato sciolto il lievito, il burro fuso intiepidito,  le patate bollite e schiacciate e gli aromi. Far lievitare l’impasto al riparo da correnti fino al raddoppio.
Tagliare un pezzo di pasta e farne un filoncino a cui dare la forma tipica, come in foto. Appoggiare le graffe su una teglia con cartaforno e lasciar lievitare ancora 1 ora, sempre al riparo da correnti. Friggere in abbondante olio di semi d’arachide finchè sono belle brunite,  scolare su carta assorbente e poi rotolare nello zucchero.

Devo ringraziare la mia nonna adottiva Enrica, che l’altro giorno mi ha spiegato per filo e per segno come realizzare i suoi fantasmagorici baci di dama!! *___*

300 gr di farina farina dolci e sfoglie Molino Rosignoli
300 gr di burro morbido
300 gr di nocciole o farina di nocciole
300 gr di zucchero

Ridurre le nocciole in polvere tritandone con lo zucchero.
Mescolare tutti gli ingredienti in una ciotola, formare delle palline di circa 1,5 cm e adagiarle su una teglia coperta di cartaforno, un po’ distanziate tra loro.
Cuocere in forno caldo al minimo per 15-20 minuti, finchè il sotto sarà leggermente più solido. Sfornare con molta delicatezza e lasciar raffreddare completamente quindi unire due metà con nutella o una crema al cioccolato fatta sciogliendo del cioccolato fondente con un cucchiaio di latte o Amaretto, anche questa usata da fredda.

 
Tovaglietta di Giardino di Rose

Le collaborazioni mi danno modo di scoprire nuovi gusti, nuove ricette e nuove aziende; una di queste è sicuramente la R2S Easy life design.
E’ bellissimo scoprire come ci siano persone in grado di creare degli oggetti stupendi!

Io adoro i coordinati. Trovo che diano un senso di eleganza e ricercatezza ad un tavola, di coccola.  Quindi vedere la cura che hanno messo nel creare tutta una serie di oggetti, coordinabili tra loro è stato fantastico. Dai piatti alle tazze, dai vassoi ai tovaglioli, dagli utensili ai piatti da servizio.
Se non fossero così ben organizzati, ci sarebbe da perdersi nei loro 20 ricchissimi cataloghi! (basta registrarsi per accedere, ci vuole un attimo e aiuta la protezione del design!)
Non credo di aver mai visto una varietà simile di vassoi tutti assieme. E’ impossibile non trovarne almeno 10 che si vorrebbero avere; sono talmente vari negli stili e nei soggetti  fiori, frutta, animali, città, classici, moderni, romantici che la difficoltà sta solo nello scegliere.
Una delle cose che mi ha maggiormente colpito è stata la versatilità di utilizzo di questi oggetti. Al giorno d’oggi a mio avviso è davvero importante questa caratteristica, non solo per una questione di costi ma anche di spazi, consentendo di portare in tavola un complemento che sembra sempre diverso tanto perfettamente si adatta alla situazione e al contesto.
Alcune tovagliette infatti sono double face un’idea tanto semplice quanto geniale a mio avviso!
L’antipastiera bianca in foto (linea Living), nasce così con i 4 pezzi e il vassoietto in legno con le scanalature, ma è utilizzabile, a seconda delle esigenze, anche scomposta;  il contenitore rotondo col coperchio infatti, grazie all’apposito cucchiaino, è perfetto anche come formaggera.
Il set da salse con il piatto sagomato (linea City lounge)  è parimenti modulabile e utilizzabile anche frazionato, rendendolo perfettamente funzionale a seconda delle necessità. L’alzatina con i cupcake (linea Traditional english) è talmente semplice da montare e smontare che è ideale anche utilizzata come singoli piatti coordinati.

Un’altra cosa bellissima è che le decorazioni sono così accurate che rendono questi accessori bellissimi anche quando si vuotano facendo si che la tavola sia piacevole da vedere anche a fine pasto, cosa che normalmente non è.

Per completare il tutto,  le scatole sono stupende.  Robuste, originali, e graficamente bellissime, donano un qualcosa in più a questi oggetti che è un piacere regalare,  ma anche regalarsi.

300 gr di broccoli al vapore
140 gr di farro cotto
50 gr di feta greca a cubetti
1 costa di sedano a rondelle
olio evo
sale, pepe

Rolata di vitello
Cavolo rosso bollito
sale, olio evo

200+30 gr di zucchero
60 gr di acqua
30 gr di glucosio
120 gr di miele
60 gr di albume

400 gr di noci
110 gr di smarties

1 foglio di ostia diviso a metà

Accendere il forno a 140° e inserirci le noci precedentemente tagliate grossolanamente, posizionate su una teglia.
Sistemare nel contenitore dove andrà il torrone un pezzo di cartaforno e sopra metà foglio di ostia.  Preparare i tre contenitori con i vari composti: un contenitore capiente con gli albumi e i 30 gr di zucchero,  un pentolino con 200 gr di zucchero e 60 d ‘acqua e un pentolino con  miele e glucosio. Portare lo zucchero a 146° senza mai mescolare. Dopo qualche minuto, accendere sotto al  miele  portandolo a 126.° Cominciare a montare l’albume da quando si mette sul gas lo zucchero. Quando il miele sarà arrivato a temperatura versarlo a filo sui bianchi montati  e immediatamente dopo versare lo zucchero che nel frattempo sarà arrivato a 146° gradi.  Montare ancora qualche secondo poi velocemente prelevare la frutta secca dal forno e inserirla nel composto di bianchi e miele, mescolando con cura ma delicatamente in modo da non smontare il composto. Infine aggiungere gli smarties e mescolare. Distribuire il composto su un foglio di ostia, livellarlo e coprire con altra ostia. Lasciare raffreddare e conservare in frigo.

Cavolfiore al vapore
Toma semistagionata
Pecorino sardo
Formaggio misto
sale, olio evo

500 gr di farina per pasta e gnocchi Molino Rosignoli
5 uova

500 gr di salsiccia
1 mazzo di cime di rapa
sale verde delle Hawaii Gemma
olio evo

Preparare le tagliatelle impastando la farina con le uova, tirando la sfoglia e ricavando le tagliatelle.
In una padella mettere la salsiccia sbriciolata e far cuocere finchè sarà rosolata, quindi toglierla dal tegame e inserirci le cime di rapa pulite, il sale e cuocere coperto una 20ina di minuti. Quando le cime saranno pronte, aggiungere la salsiccia e infine la pasta cotta. Saltare tutto in padella qualche minuto, quindi servire ben caldo.
A piacere si può usare un po’ di peperoncino.