4 tranci di merluzzo surgelati
4 fette di formaggio a media stagionatura (Asiago, toma, Belpaese  ecc)
4 fette di prosciutto crudo grandi o 8 se piccole
3 cucchiai di olio evo Dante 100% italiano
1/2 cipolla bianca
1/2 bicchiere di vino bianco
1 + 1/2 bustina di zafferano
1 cucchiaio di farina
sale

Scongelare i tranci di merluzzo,  schiacciarli un po’ tra le mani in modo che perdano l’eccesso di acqua e tenerli da parte. Mescolare con cura un cucchiaio di farina con la bustina di zafferano,  allineare su un piano di lavoro le fette di prosciutto crudo (4 se grandi e larghe come il filetto, 8, affiancate 2 a 2, se più strette) e disporvi sopra una fetta sottile di formaggio (io uso un coltello per fare le scaglie di formaggio, con formaggi non stagionati crea agilmente fettine perfettamente omogenee di spessore).
Rotolare ogni filetto nella farina in modo da ricoprirlo completamente, quindi poggiarlo su un capo della fetta di prosciutto, arrotolarlo e fermarlo con uno stuzzicadenti se necessario (se il prosciutto ha un giusto grado di umidità questa è sufficiente a far sì che il rotolino non si apra).
Scaldare l’olio in una padella soffriggendoci la cipolla tritata finemente, aggiungere i filetti di merluzzo e rosolarli da tutti i lati, sarà possibile solo se non c’è lo stuzzicadenti, se no limitarsi ai due liberi.
Quando saranno rosolati, sfumare con il vino, aggiungere la mezza bustina di zafferano sciolta in un cucchiaino d’acqua e cuocere 5-6 minuti, a seconda della dimensione del filetto di pesce, a fuoco moderato e tegame coperto.
Quando il pesce sarà cotto valutare la consistenza della salsa, se sarà fluida ma corposa va bene, altrimenti spostare il pesce tenendolo in caldo tra due piatti e far addensare la salsa aggiungendo uno o due pizzichi di farina.

La ricetta, tratta da “I menù di Gianluca” su Alice,  prevedeva l’utilizzo delle sottilette, io ho preferito un formaggio che si ammorbidisse bene, ma non si sciogliesse del tutto optando per una toma semistagionata.

Annunci