600 gr di gamberi (io ho usato questi argentini Grand Krust)
200 gr di semola di grano duro rimacinata Molino Chiavazza
100 ml di acqua tiepida (circa)
1 lt di brodo fatto con 2 cuore di brodo Knorr pesce
sale fine
1 Salsa ai peperoni Lazzaris

Preparare la pasta con la semola di grano duro e l’acqua tiepida (circa 100 ml, ma dipende da quanta ne assorbe), avvolgere il panetto ormai lisco nella pellicola e riporlo in frigo un paio d’ore.
Stendere la pasta, tagliarla con una rotella ondulata (io ho questo aggeggino qui che è di una comodità unica perchè fa tante strisce assieme e tutte perfettamente equidistanti) quindi prendere un gambero e avvolgerlo con la pasta.
Allineare i gamberi su una teglia coperta con della cartaforno in modo che non si attacchino mentre si preparano tutti.
Nel frattempo portare a bollore una pentola con 1 lt di acqua e 2 cuore di brodo Knorr gusto pesce.
Quando i gamberi saranno tutti preparati tuffarne alcuni (dipende dalla dimensione della pentola, io ne mettevo 5-6) e cuocerli finchè vengono a galla. Sia la pasta che il gambero infatti non hanno bisogno di una lunga cottura e cuociono assieme. Mentre i gamberi cuociono scaldare in un tegamino la salsa ai peperoni.
Scolare i gamberi con un ragno e tenerli in caldo tra due piatti. Quando saranno tutti pronti impiattare distribuendo un po’ di salsa ai peperoni e sopra i gamberi.

Sul blog La cucina di Federica si può trovare la versione originale della ricetta tratta direttamente dal libro “La grande cucina italiana”.

Annunci